Superare gli Ostacoli - Cesvipe Alimentazione

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cosa Fare? La Nostra Proposta > Modificare lo stile di Vita > Rieducazione del Comportamento Alimentare
M

Superare gli ostacoli


Imparare ad avere un controllo salutare sulla propria alimentazione e sul proprio peso vuol dire acquisire adeguate  strategie per poter affrontare i comportamenti e i pensieri disfunzionali che ostacolano il nostro percorso. Le emozioni rappresentano spesso un ostacolo perché molte persone ricorrono al cibo per poterle controllare. In realtà ben presto ci si accorge che il cibo non risolve i propri problemi di ansia, tristezza o noia, ma al contrario , dopo un primo momento di benessere, subentrano i sensi di colpa e la frustrazione per aver mangiato in eccesso.

Non dare struttura alla propria alimentazione, ossia consumare cinque pasti (colazione, pranzo, cena e due spuntini), può portare spesso a mangiare in eccesso, o perché si tende a "spiluccare" tutto il giorno o perché si possono avere delle abbuffate. E' importante quindi pianificare per tempo la propria alimentazione rispettando cosa, quando e quanto mangiare.
Saltare i pasti è un altro fattore di rischio che aumenta la possibilità di mangiare in eccesso al pasto successivo o di avere un'abbuffata
(Vuoi saperne di più?). Numerosi studi hanno messo in evidenza, ad esempio, che saltare la colazione si associa ad un maggior consumo di cibo nel tardo pomeriggio o la sera. In questo caso è utile pianificare gli orari dei pasti senza far passare più di quattro -cinque ore tra un pasto e l'altro.

La tendenza a suddividere i cibi in "buoni" e "cattivi" può portare ad evitare alcuni alimenti (es. pasta e pane) determinando spesso deficit nutrizionali  o favorendo le abbuffate.
Le persone che cercano di perdere peso spesso tendono ad abbandonare il controllo sulla propria alimentazione durante le vacanze o nelle occasioni sociali (es. al ristorante o alle feste).
In queste situazioni è utile pianificare in anticipo il proprio comportamento per evitare di mangiare in eccesso.
I livelli di attività fisica inadeguata sono un altro importante ostacolo alla perdita di peso. Generalmente sono presenti pensieri sabotanti rispetto all'attività fisica (es. "Non ho tempo", "Mi vergogno, sono troppo grasso", "Sono stanco" ecc).
Avere obiettivi di peso irrealistici è un ostacolo spesso presente nelle persone a dieta. Non riuscendo a raggiungere il peso prefissato alcune persone tendono a scoraggiarsi e ad abbandonare il trattamento.
Spesso gli ostacoli sono rappresentati da pensieri disfunzionali ("sabotanti") (Vuoi saperne di più?) che conducono a errori di ragionamento (es. "O seguo la dieta alla perfezione o mi abbuffo", "Ho trasgredito alla dieta quindi sono un fallimento", "Non ci riuscirò mai", "Non è giusto che io stia a dieta mentre gli altri mangiano" ecc.).

La terapia cognitivo comportamentale ci viene in aiuto proponendo le strategie che meglio si adattano per affrontare gli ostacoli della singola persona. Fare attività alternative insegna ad esempio a "nutrire il sé" in modo diverso dal cibo (Vuoi saperne di più?). La tecnica della risoluzione dei problemi può essere applicata per affrontare gli eventi che influenzano il comportamento alimentare, il controllo degli stimoli può aiutare ad aderire meglio al piano alimentare ed infine la ristrutturazione cognitiva  può essere utilizzata per affrontare i pensieri "sabotanti".



 
Torna ai contenuti | Torna al menu