La Bassa Autostima - Cesvipe Alimentazione

Vai ai contenuti

Menu principale:

Disordini e Disturbi Alimentari > Approfondimenti

m

Bassa Autostima


Il concetto di autostima riflette l'opinione generale che ognuno di noi ha di se stesso ed è associata al benessere psicofisico e al funzionamento personale nei vari ambiti della vita (lavoro, relazioni interpersonali ecc.).
Le persone con una bassa autostima hanno una visione negativa del proprio valore
(Vuoi saperne di più?), sono insoddisfatte della loro vita, hanno difficoltà relazionali e sono più soggette a sviluppare malattie somatiche e problemi psicologici come ansia, depressione e disturbi alimentari, sono convinte di non valere nulla, si colpevolizzano e tendono a focalizzarsi solo sui propri errori e sui propri difetti.

Questa visione fallimentare del proprio essere ha effetti estremamente negativi sulla carriera scolastica o lavorativa poiché porta ad avere dei risultati al di sotto delle reali possibilità o, al contrario, sviluppa un eccessivo perfezionismo per paura del fallimento.
Nelle relazioni interpersonali la bassa autostima si riflette in una estrema sensibilità nei confronti delle critiche e questo può generare comportamenti di evitamento o, al contrario, comportamenti aggressivi.
Le persone con bassa autostima sono pessimiste riguardo la loro riuscita nella vita, hanno predizioni negative su quello che accadrà e di conseguenza non si pongono obiettivi importanti per paura di apparire inadeguati. Spesso non si ha consapevolezza del problema perché la persona con bassa autostima è convinta che le sue valutazioni siano reali e non la conseguenza di una interpretazione distorta della realtà.
Per capire quanto si è soddisfatti di se stessi può essere utile compilare il questionario di Rosenberg.
Ti Riconosci?

  • Nell'insieme sei soddisfatto di te?

  • A volte pensi di non valere niente?

  • Ritieni di avere dei pregi?

  • Sei capace di conseguire successi?

  • Hai l'impressione che in te non ci sia nulla di cui andar fiero?

  • A volte ti senti inutile?

  • Pensi di valere tanto quanto gli altri?

  • Ti piacerebbe avere più rispetto di te stesso?

  • Hai un'opinione positiva di te stesso?

  • Pensi di essere un fallito?

Va sottolineato che il questionario non permette di fare una diagnosi, ma solo di considerare l'eventuale rischio di avere un disturbo dell’alimentazione.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu