L'Ideale di Bellezza e le sue Trappole - Cesvipe Alimentazione

Vai ai contenuti

Menu principale:

Immagine Corporea > Approfondimenti
M


L'ideale di Bellezza e le sue Trappole


L’ideale di bellezza e le convizioni che gli adolescenti si costruiscono sono fortemente influenzati dal contesto culturale e dai media. Riviste, televisioni, pubblicità propongono sempre di più modelli basati sull’apparenza e l’esteriorità:


"Il corpo femminile oggettificato, la perfezione artificiale della pelle lucida e depilata, dei visi lisci e uniformi, delle figure flessuose e slanciate, dei seni gonfi, dei sederi tondi, delle labbra turgide, degli occhi sottolineati da lunghe ciglia e dallo sguardo provocante. Corpi. Corpi che smettono di essere emozione, vita pulsante e sentimento, per divenire immobili sculture di sé stessi." (https://ilragno.wordpress.com/2012/07/24/trappola-bellezza-irraggiungibile/)

Numerosi studi dimostrano che questo l’ideale di bellezza ha svolge un ruolo molto importante nel determinare un largo spettro di disturbi legati all’ insoddisfazione per il proprio corpo
,  allo sviluppo di disordini alimentari e a pratiche non salutari per il controllo del peso corporeo .


I protagonisti della pubblicità, le modelle che compaiono sui giornali e i personaggi dello spettacolo forniscono modelli estetici irrealizzabili per la maggior parte della popolazione. La magrezza e il rigido controllo del peso vengono  resi come caratteristiche indispensabili per raggiungere il successo sociale, mentre la  grassezza è svilita, considerata brutta,  testimonianza di mancanza di volontà.
Inoltre questi messaggi non sono presentati come irraggiungibili e artefatti, non viene raccontato ne' presentato il lavoro di manipolazione che viene realizzato prima della loro realizzazione (trucco, fotomontaggio ecc
vedi il filmato).
Anzi l’obiettivo dei media è proprio quello di illudere le persone che sia possibile raggiungerlo (magari acquistando questo o quel prodotto ), che sia necessario aderire a questi canoni per essere felici, apprezzati ed avere successo.

Secondo i media essere una "vera donna" significherebbe:


  La bellezza è il principale obiettivo nella vita

 La magrezza è cruciale per raggiungere il successo e il benessere

 L’immagine prima di tutto

 Il "grasso" dimostra debolezza e fallimento  


Tutte le donne sono esposte a questi messaggi, soprattutto le adolescenti in cerca della propria femminilità, in cerca di una direttiva su cosa significhi essere donna.

Ovvimente il confronto è inevitabile, come è inevitabile la conseguente insoddisfazione per il proprio corpo  e che, in molti casi, da inizio ad una lunga battaglia conflittuale con se stesse per raggiungere questi canoni e le caratteristiche associate.


"Questi corpi ci urlano che, per essere apprezzate,  "dobbiamo" essere belle, restare giovani, trasformare i nostri corpi in sculture". Perché è così.
"Ma, alla fine, io guardo queste pubblicità e non riesco a fare a meno di sentirmi un poco a disagio. E' difficile osservare queste immagini e non fare spontaneamente dei confronti con il proprio corpo ordinario, è difficile non sentirsi inferiori, inadeguate".
(https://ilragno.wordpress.com/2012/07/24/trappola-bellezza-irraggiungibile/)

 
Torna ai contenuti | Torna al menu