Fobie Alimentari e False Credenze - Cesvipe Alimentazione

Vai ai contenuti

Menu principale:

Disordini e Disturbi Alimentari > Approfondimenti

m

Fobie Alimentari e False Credenze


Le persone in eterno conflitto con il peso e le forme corporee spesso commettono l'errore di dividere i cibi in due categorie: cibi "buoni" che possono essere mangiati liberamente e cibi "cattivi" che devono essere banditi dalla propria alimentazione perché considerati "ingrassanti". Tuttavia i tabù alimentari generano desiderio e rigidità nel comportamento alimentare con un maggior rischio di abbuffata. Un cibo fa bene o male a seconda di quanto ne mangiamo, di come lo cuciniamo e di quanto frequentemente lo consumiamo, in associazione allo stile di vita condotto.

Spesso si è ingannati dai cosiddetti prodotti "light" o "senza zucchero" perché si rischia di assumerne in quantità eccessive. Leggere attentamente le etichette risulta essere la regola migliore per non fare un pieno di calorie.
Molto popolari sono le diete a basso contenuto di carboidrati perché ritenute efficaci nel favorire la perdita di peso. Tuttavia il rapido decremento ponderale che si ottiene con queste diete è dovuto principalmente ad una perdita significativa di acqua legata al glicogeno, epatico
e muscolare, che rappresenta il deposito di glucosio, principale nutrimento per il cervello. Inoltre, una riduzione di carboidrati nella dieta porta inevitabilmente ad un aumento della quota di grassi e proteine con non pochi rischi per la salute (ad esempio l'apporto eccessivo di grassi animali determina un aumento delle patologie cardiovascolari; un alto consumo di proteine può provocare una perdita di calcio dalle ossa con rischio di osteoporosi; la drastica di riduzione dei carboidrati fa aumentare la spinta biologica verso questi nutrienti , il cosiddetto "craving", che per alcuni individui predisposti può essere un fattore di rischio per lo sviluppo di un disturbo alimentare).

Attenzione all'uso di sostituti del pasto (barrette, beveroni ecc.) a causa della loro valenza altamente diseducativa. E' necessario operare una modificazione dello stile di vita per poter riacquistare un sano ed equilibrato rapporto con il cibo e con il proprio corpo.
La pubblicità ci propone continuamente alimenti precotti in busta, facili e veloci da preparare , ma a scapito di grandi quantità di sale e grassi con un notevole costo per la nostra salute.
Infine attenzione a non cadere nella tentazione di saltare i pasti o ridurre drasticamente le porzioni con la falsa speranza di perdere peso più rapidamente. Il nostro corpo si difende abbassando il consumo di energia (metabolismo) e accumulando, sotto forma di grasso, le calorie del pasto successivo.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu