Emozioni e Cibo - Ti Riconosci? - Cesvipe Alimentazione

Vai ai contenuti

Menu principale:

Emozioni e Cibo

m

Emozioni e Cibo

 
Come afferma lo psichiatra statunitense Roger Gould, “Siamo emotivamente affamati” e questo è spesso il motivo per cui non riusciamo a perdere peso e a controllare la nostra alimentazione.

Nonostante la volontà di voler dimagrire, a volte siamo noi stessi a sabotare i nostri obiettivi, utilizzando il cibo come valvola di sfogo per affrontare la noia, la rabbia, la tristezza, lo stress. Questa spinta a mangiare in maniera compulsiva per colmare un vuoto emotivo, viene definito dagli statunitensi “Emotional Eating” ovvero “Alimentazione Emotiva”.
Purtroppo però, il cibo assunto come fosse un farmaco antidolorifico o anestetico, ha un effetto solo momentaneo ed è accompagnato da una serie di effetti collaterali (sensi di colpa, aumento di peso) che lo rendono inappropriato per risolvere tutte quelle situazioni che ci provocano stress ed ansia. Tuttavia, la fame emotiva può scatenarsi anche in momenti di allegria, come ad esempio durante i pranzi con amici o familiari in cui ci si lascia andare perdendo ogni controllo sulla propria alimentazione.


 
Ti riconosci?

 
  • Mangi quando ti senti obbligato a dover fare qualcosa che vorresti evitare (studiare, un lavoro troppo impegnativo)?
 
  • Senti che il cibo ti aiuta a scaricare le tensioni accumulate durante il giorno?

  • Mangi quando sei a casa e non sai che fare?

  • Quando ti senti triste o arrabbiato sei attratto dal cibo, in particolar modo dai dolci?
 
  • Tendi a mangiare molto durante le occasioni come le feste di compleanno o matrimoni?

Va sottolineato che il questionario non permette di fare una diagnosi, ma solo di considerare l'eventuale rischio di avere un disturbo dell’alimentazione.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu