Disturbo dell'Immagine Corporea - Cesvipe Alimentazione

Vai ai contenuti

Menu principale:

Immagine Corporea
M


I Disturbi dell'Immagine Corporea

o Dismorfofobia


La distorsione dell’immagine corporea si verifica quando non c’è corrispondenza tra il corpo reale e il corpo soggettivamente percepito: per esempio, nell’anoressia nervosa le persone, nonostante il basso peso corporeo raggiunto, si vedono e si percepiscono grasse.

Una percezione negativa  e distorta dell’immagine corporea può avere conseguenze deleterie sulla vita delle persone:

  ansia sociale, che può arrivare fino all’isolamento completo;

  preoccupazione ossessiva per il peso e la forma corporea;

  bassa autostima;

  tono dell'umore basso;

  costante insoddisfaione con sensazione/convinzione di non avere valore;

  abuso/dipendenza di integratori e di trattamenti estetici/chirurgici;

  dipendenza dall'attività fisica;

  depressione;

 disturbi dell’Alimentazione.

Un’immagine corporea negativa, costantemente distorta, sembra avere un ruolo centrale nello sviluppo e nel mantenimento dei disturbi alimentari. Alcuni ricercatori hanno suggerito l’ipotesi secondo cui l’aumento epidemico dei disturbi alimentari in certe culture, sia da mettere in correlazione alla forte pressione verso la magrezza e verso modelli di bellezza irrealistici (Vuoi saperne di più?). Questo è possibile nella misura in cui l’immagine interna che abbiamo del nostro corpo non corrisponde a ciò che è realmente, ma è influenzata dalle emozioni positive o negative che porviamo nei confonti del nostro aspetto fisico. Ciò significa che esiste una distorsione percettiva tra ciò  che vediamo riflesso nello specchio e ciò che realisticamente è.  


 
Torna ai contenuti | Torna al menu