Anoressia Nervosa - Cesvipe Alimentazione

Vai ai contenuti

Menu principale:

Disordini e Disturbi Alimentari

m

Anoressia Nervosa


L’anoressia nervosa ha un’insorgenza tipica nell’adolescenza e nei primi anni dell’età adulta, anche se in alcuni casi può insorgere nell’infanzia. Si tratta un disturbo tipico delle società occidentali dove la pressione sociale verso la magrezza è forte (Vuoi saperne di più?). Sembrerebbe si stia registrando una progressiva riduzione dell'età media di insorgenza ed un aumento della sua diffusione soprattutto nel sesso femminile (anche se, dagli ultimi studi, risultano in aumento i casi di sesso maschile).

L’anoressia nervosa è caratterizzata da una rapida perdita di peso corporeo a seguito di una dieta ferrea a volte accompagnata da un’attività fisica eccessiva e compulsiva. In alcuni casi per perdere peso le persone adottano pratiche non salutari come il vomito autoindotto e l’uso improprio di lassativi o diuretici. Inoltre vanno progressivamente incontro a comportamenti ossessivi, isolamento sociale, difficoltà di concentrazione, depressione e perdita per l’interesse sessuale.

Nelle adolescenti, spesso, il rendimento scolastico dall' essere eccellente subisce un crollo, che può portare anche alla sospensione degli studi. In alcuni casi possono comparire comportamenti autolesionistici.

Quando il disturbo è lieve, può rientrare senza alcuna cura o con un trattamento breve. Molto spesso, purtroppo, persiste e si rendono necessari trattamenti specialistici complessi e lunghi. Nella metà delle persone, l’anoressia volge verso la bulimia nervosa.
Il tasso di remissione dell’anoressia nervosa si aggira intorno al 20-30% dopo 2-4 anni dall’insorgenza e aumenta sino al 70-80% dopo 8-10 anni. Il 10-20% delle persone colpite sviluppa una condizione cronica danneggiandone seriamente le condizioni di vita.

Ti riconosci?

Va sottolineato che il seguente questionario non permette di fare una diagnosi, ma solo di considerare l'eventuale rischio di avere un disturbo dell’alimentazione.

  • Hai subito una rapida perdita di peso negli ultimi 6 mesi?

  • Adotti regole dietetiche estreme (es. saltare i pasti o eliminare moltissimi alimenti in particolare i carboidrati e i dolci)?

  • Hai aumentato l'attività fisica e hai difficoltà a stare ferma/o?

  • Senti che il tuo umore sta cambiando (irritabilità, apatia ecc) e così anche la qualità del tuo sonno?

  • Hai un'estrema paura di ingrassare e sei molto preoccupata/o per le forme del tuo corpo?

  • Hai difficoltà a concentrarti a scuola o sul lavoro?

  • Non hai più voglia di vedere gli amici?

(tratto da "Come Vincere i Disturbi dell'Alimentazione" R. Dalle Grave)
 
Torna ai contenuti | Torna al menu